Bacheca RSU

 
CCNL                                 
                   
  

 

RSU vuol dire Rappresentanza Sindacale Unitaria. E' un organismo sindacale che esiste in ogni luogo di lavoro pubblico e privato ed è costituito da non meno di tre persone elette da tutti i lavoratori iscritti e non iscritti al sindacato.

La normativa fondamentale di riferimento è l'"Accordo Collettivo Quadro per la costituzione delle Rappresentanza Sindacali Unitarie per il personale dei comparti delle Pubbliche Amministrazioni e per la definizione del relativo Regolamento Elettorale" del 7 agosto 1998.

Tra le competenze necessarie per svolgere il ruolo di RSU vi sono, poi, quelle relazionali.

La RSU svolge il suo ruolo a tempo determinato. Infatti, rimane in carica tre anni, alla scadenza dei quali decade automaticamente e si devono fare nuove elezioni. Sono inoltre previsti, art. 7 dell'Accordo Quadro già citato, i casi di dimissioni degli eletti, la loro sostituzione e l'eventuale decadenza prima del termine.

I componenti della RSU sono, inoltre, titolari di diritti sindacali previsti da leggi, accordi quadro e contratti. I diritti, quali l'uso della bacheca, la convocazione di una assemblea e l'uso di permessi retribuiti, spettano alla RSU nel suo insieme e non ai singoli componenti.

 Il contratto 1998-2001 ha introdotto  la possibilità di redigere il primo contratto integrativo d’istituto.

La  RSU svolge il suo ruolo nella scuola in modo democratico e trasparente, nel rispetto  delle  competenze di ciascun organo collegiale:

  • il consiglio di Circolo/Istituto  decide le scelte generali di indirizzo e organizzative della scuola;
  • il collegio dei docenti  assume la responsabilità delle scelte pedagogiche e didattiche e degli obiettivi formativi;
  • il contratto integrativo d’istituto tra Dirigente Scolastico e RSU persegue la migliore organizzazione del lavoro del personale della scuola per realizzare nel modo migliore gli obiettivi generali.

                                                                                                                     COMPETENZE DELLE RSU

Il sistema delle relazioni sindacali all’interno di ciascuna istituzione scolastica è regolato dagli articoli 6 e 7 del CCNL 2003 e si articola in:

Contrattazione d’istituto e Partecipazione. 

Costituiscono materia di contrattazione integrativa d’istituto: 

v        Modalità di utilizzazione del personale in rapporto al POF;

v        Criteri e modalità di applicazione dei diritti sindacali e determinazione dei contingenti di personale per la salvaguardia dei servizi minimi essenziali ai sensi della Legge 146/90 e successive modifiche ed integrazioni;

v        Attuazione della normativa sulla sicurezza nei luoghi di lavoro (Legge 626/94);

v        Criteri generali per la ripartizione del fondo d’istituto per l’attribuzione dei compensi accessori al personale;

v        Criteri e modalità relativi all’organizzazione del lavoro, all’articolazione dell’orario di lavoro e all’individuazione del personale da utilizzare nelle attività retribuite con il fondo d’istituto.

La partecipazione si esplica mediante l’informazione preventiva e successiva.

Costituiscono materia d’informazione preventiva:

v        Proposte di formazione delle classi e di determinazione degli organici della scuola;

v        Criteri per la fruizione dei permessi per l’aggiornamento;

v        Utilizzazione dei servizi sociali.

Costituiscono materia d’informazione successiva:

v        Nominativi del personale utilizzato nelle attività e nei progetti retribuiti con il fondo d’istituto;

v        Criteri d’individuazione e modalità di utilizzazione del personale in progetti previsti da specifiche disposizioni legislative o da accordi con altri enti e istituzioni;

v         Verifica dell’attuazione della contrattazione sull’ utilizzo delle risorse.    

La figura della RLS


 La figura del Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza nella scuola statale è normata dal D.Lgs. 626/94, dal CCNQ del 7 maggio del 1997, dall’accordo Aran sulle RSU e dal CCNI (1998-2001).

Al comma 1, dell’art. 58 del CCNI vengono disciplinate le modalità di individuazione del RLS nella scuola. In particolare l’articolo in questione stabilisce che “in tutte le unità scolastiche, individuate dal DM 382/98, vengono eletti o designati nell’ambito della rappresentanze unitarie i Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza (Rls) nel numero di 1 rappresentante nelle istituzioni scolastiche fino a 200 dipendenti e 3 rappresentanti nelle istituzioni scolastiche con più di 200 dipendenti fino a 1000“.

Uno dei primi adempimenti dei delegati eletti nelle RSU è quello di eleggere o designare al proprio interno il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (in sigla RLS). Un adempimento questo di primari importanza perché tale figura è obbligatoria per legge in tutti i luoghi di lavoro.  Il CCNL di categoria al punto e) dell’art. 6 prevede che “l’attuazione della normativa in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro” è oggetto di contrattazione di scuola e pertanto in quell’occasione va interamente disciplinata la materia, ferme restando gli obblighi di legge posti a capo del Dirigente Scolastico.

In particolare son oggetto di contrattazione le modalità di fruizione dei permessi del RLS per esercitare il suo ruolo, le modalità di accesso al luogo di lavoro e alla documentazione sulla sicurezza, le modalità di svolgimento della formazione e dell’informazione, il contenuto della formazione stessa e di ogni altra questione inerente la prevenzione e la sicurezza nel luogo di lavoro.

Pertanto una volta costituite le RSU, queste devono provvedere, nel proprio ambito, a eleggere o designare il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza o in prima battuta o   per tramite di una elezione con liste separate e concorrenti, a suffragio universale ed a scrutinio segreto. L’elettorato passivo è riservato ai componenti delle RSU e delle RSA. 

Per visionare il Quadro sulle modalità di utilizzo dei distacchi, aspettative e permessi nonchè delle altre prerogative sindacali cliccare sui seguenti link:

http://www.uspbari.it/usp/wp-content/uploads/2014/04/1-4-4-2014.pdf

http://www.ipsaameloni.gov.it/dmdocuments/anno_2014/albozip/albo%20n.%20150%20_circolare%20permessi%20comparto%20scuola-all-.pdf





Ċ
Scuola De Amicis,
23 mar 2014, 10:13
ĉ
Scuola De Amicis,
23 mar 2014, 10:14
ą
Scuola De Amicis,
15 apr 2014, 03:11
Ċ
Scuola De Amicis,
23 mar 2014, 10:15
Ċ
Scuola De Amicis,
23 mar 2014, 10:16
Ċ
Scuola De Amicis,
23 mar 2014, 10:15
ĉ
Scuola De Amicis,
23 mar 2014, 10:24
ĉ
Scuola De Amicis,
23 mar 2014, 10:14